VeniceQueen.it

RHCP Italian Community since 2004

Acid For The Children in pillole

Nice To Meet You, Jack Irons!

Nice To Meet You, Jack Irons!

Cominciai il nuovo anno scolastico alla Carthay Center Elementary School, nel Miracle Mile DIstrict, e non potei fare altro che notare delle abissali differenze con la mia vecchia scuola di Larchmont.

A New York le scuole non erano recintate, erano piene di verde e di ampi spazi in cui correre e divertirsi; Era inoltre composta al 95% da bianchi. Questa invece era l’esatto contrario: c’era un amalgama di diverse etnie, il cortile era recintato e cementato, nessuna traccia di verde, e ciò mi procurò enorme tristezza ed alienazione. Durante la ricreazione me ne stavo sempre in disparte, non capendo come interagire con il nuovo mondo che mi circondava.

Quel giorno, un mio compagno di classe di nome Jack Irons, prese all’improvviso un foglio di carta ed iniziò a disegnare qualcosa, foglio che poi fece girare per tutta la classe.

Sentii molti dei miei compagni sogghignare, e quando arrivò il mio turno capii il perché: sul foglio vidi il disegno di una faccia distorta, piena di foruncoli e cicatrici, con il naso che colava muco; la didascalia all’interno della nuvoletta animata recitava: “Ciao, mi chiamo Michael Balzary!”.

Non volevo apparire offeso e ferito il mio primo giorno di scuola, e non sapendo come reagire mi misi a ridere anche io. Jack Irons era uno duro, uno con cui non volevo e non potevo di certo misurarmi, era un picchiatore; dopo la scuola, ci si riuniva nel cortile per vederlo all’opera mentre pestava ragazzi di tutti i tipi, spesso anche più grossi di lui.

Rimasi impressionato ma allo stesso tempo molto disturbato nel vedere quegli scontri. Ad oggi, non ho mai preso parte ad una rissa o ad uno scontro violento; in parte perché ho sempre avuto paura di farmi male, ed inoltre credo sia la cosa più stupida al mondo. Il mondo è già abbastanza crudele, tutto quello che non è amore è codardia.