Venicequeen.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Home News RHCP live a Cuba? Proseguono i (difficili) contatti tra Washington e L'Avana

RHCP live a Cuba? Proseguono i (difficili) contatti tra Washington e L'Avana

E-mail Stampa PDF
A seguito delle nostre precedenti news di Agosto e Novembre 2017, arrivano nuove indiscrezioni direttamente dall'America Latina in merito al difficile ed ipotetico sbarco della band californiana sull'isola miraggio di tante rock band, tra cui anche i Red Hot Chili Peppers.
rhcpcuba
Funzionari culturali affermano di aver lavorato per anni ad un concerto dei Red Hot Chili Peppers a Cuba. Funzionari del Ministero della Cultura e dell'Istituto di musica cubano hanno dichiarato di aver lavorato per oltre due anni ad un concerto del gruppo rock americano Red Hot Chili Peppers sull'isola, secondo la rivista culturale La Jiribilla.
L’istituto di musica cubano ha fatto sapere che il team della band statunitense li ha visitati due volte l'anno scorso:

«Abbiamo tutte le varianti di stage previste, la totale e reciproca disponibilità a concordare la data migliore e molta chiarezza sulle esigenze della produzione, con cui parliamo in modo sistematico
».

«La gestione per il concerto dei Red Hot Chili Peppers è iniziata prima dell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca  ed è stata  gestita con tutta la delicatezza che richiede il caso, ma con il massimo interesse. Durante la prima visita dei loro rappresentanti, quest'anno, era chiaro che le nuove misure avrebbero potuto avere un impatto sull'iniziativa. Abbiamo concordato una strategia per andare avanti. Abbiamo concordato perfettamente e inviamo messaggi regolarmente», ha detto un altro funzionario dell'Istituto di musica cubano.

«Qui», ha proseguito, «abbiamo la totale disponibilità ad organizzare il concerto, dobbiamo tenere a mente che le misure dell'attuale amministrazione americana sono confuse e cercano soprattutto di intimidire e creare una barriera psicologica per lo scambio, che qualsiasi lettore serio capisce perfettamente».

Nonostante questi frequenti contatti  durante gli  anni in cui hanno  lavorato alla creazione di questo concerto e alla "completa disponibilità" che dicono di avere le autorità musicali dell'Isola, la band statunitense non è stata in grado di esibirsi.
Un giornalista della rivista La Jiribilla si è lamentato, accusando che questo concerto non si è potuto svolgere "per la segretezza e la lentezza delle nostre istituzioni".

Allo stesso modo, le istituzioni  cercano di distogliere l'attenzione da questi aspetti e ritengono colpevole l'amministrazione Trump e le sue misure per circondare l'esercito cubano .
Su queste misure, un altro funzionario della Cultura, non identificato da La Jiribilla ha affermato che «ci sono stati 33 annullamenti (di scambi culturali tra Washington e l'Avana) fino ad oggi. Inoltre ci sono state riduzioni di gruppi di visitatori e posticipazioni. La maggior parte delle cancellazioni sono visite e scambi accademici, anche se sono stati cancellati pure due concerti».

Josh Klinghoffer, chitarrista del gruppo, è stato sull'isola la scorsa estate per discutere sui preparativi con diversi artisti e musicisti del Paese, tra cui l’attore Jorge Perugorria e i musicisti del gruppo Nube Roja.
In quel periodo  la rivista specializzata in celebrità Vistar, ha detto che il concerto si sarebbe potuto svolgere nel mese di marzo durante il tour Sud Americano della band.
Questa sarebbe la prima apparizione  dell’emblematica band sull'isola.

Traduzione a cura di Francesco Colinucci
Fonte: DiarioDeCuba.com

Funzionari culturali affermano di aver lavorato per anni ad un concerto dei Red Hot Chili Peppers a Cuba.

Funzionari del Ministero della Cultura e dell'Istituto di musica cubano hanno dichiarato di aver lavorato per oltre due anni ad un concerto del gruppo rock americano Red Hot Chili Peppers sull'isola, secondo la rivista culturale La Jiribilla.

L’istituto di muscia cubano ha fatto sapere che il team della band statunitense li ha visitati due volte l'anno scorso: "Abbiamo tutte le varianti di stage previste, la totale disponibilità e la reciproca disponibilità a concordare la data migliore e molta chiarezza sulle esigenze della produzione con cui parliamo in modo sistematico ".

La gestione per il concerto dei Re hot chili peppers è iniziata prima dell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca  ed è stata  gestita con tutta la delicatezza che richiede il caso, ma con il massimo interesse. Durante la prima visita dei loro rappresentanti, quest'anno, era chiaro che le nuove misure avrebbero potuto avere un impatto sull'iniziativa. Abbiamo concordato una strategia per andare avanti. Abbiamo concordato perfettamente e inviamo messaggi regolarmente ", ha detto un altro funzionario dell'Istituto di musica cubano.

"Qui", ha proseguito, "abbiamo la totale disponibilità ad organizzare il concerto, dobbiamo tenere a mente che le misure dell'attuale amministrazione americana sono confuse e cercano soprattutto di intimidire e creare una barriera psicologica per lo scambio, che qualsiasi lettore serio capisce perfettamente" . Nonostante questi frequenti contatti  durante gli  anni in cui hanno  lavorato alla creazione di questo concerto e alla "completa disponibilità" che dicono di avere le autorità musicali dell'Isola, la band statunitense non è stata in grado di esibirsi.

Un giornalista della rivista La Jiribilla si è lamentato , accusando che questo concerto non si è potuto svolgere "per la segretezza e la lentezza delle nostre istituzioni"

Allo stesso modo, le istituzioni  cercano di distogliere l'attenzione da questi aspetti e ritengono colpevole l'amministrazione Trump e le sue misure per circondare l'esercito cubano .

Su queste misure, un altro funzionario della Cultura, non identificato da La Jiribilla ha affermato che "ci sono stati 33 annullamenti (di scambi culturali tra Washington e l'Avana) fino ad oggi. Inoltre ci sono state riduzioni di gruppi di visitatori e posticipazioni. La maggior parte delle cancellazioni sono visite e scambi accademici, anche se sono stati cancellati pure due concerti "

Josh Klinghoffer, chitarrista del gruppo, è stato sull'isola la scorsa estate per discutere sui preparativi con diversi artisti e musicisti del paese,tra cui l’attore Jorge Perugorria e i musicisti del gruppo Nube Roja.

In quel periodo  la rivista specializzata in celebrità Vistar, ha detto che il concerto si sarebbe potuto svolgere nel mese di marzo durante il tour Sud Americano della band.

Questa sarebbe la prima apparizione  dell’ emblematica band sull'isola.

Share Link:
Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Reddit Ma.gnolia Technorati Stumble Upon

Commenti

Nome *
Inserisci l'e-mail per la verifica
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Ultimo aggiornamento Domenica 07 Gennaio 2018 15:30  

SEGUI VQ.IT

facebook2instagram_logotwitter-iconyoutube
myspacegoogle-plus-iconalastfm2Abbonati al Feed RSS di Vq.it

SOSTIENI VQ.IT

paypal_donate

Save_the_Children

Sondaggio

Qual è stato il concerto che avete preferito tra le 5 date italiane del The Getaway Tour?
 


What's Hot !?

animazione2
Silverlake Conservatory of Music
Fb Page - CoverBands Italiane
banner_coverband_myspace2
collage_army_small
Vq.it remembers kissarmy