Venicequeen.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Home News Pluralone: Klinghoffer parla del nuovo singolo "Shade" a mxdwm

Pluralone: Klinghoffer parla del nuovo singolo "Shade" a mxdwm

E-mail Stampa PDF

img_8304

mxdwn PREMIERE: Josh Klinghoffer (Pluralone) esprime le influenze di John Cale nel suo nuovo brano “Shade”

Solo qualche giorno fa, il chitarrista dei RHCP - Josh Klinghoffer aveva annunciato il suo nuovo progetto solista sotto il nome di Pluralone (pronunciato “Plural-one”). Il nuovo album sarà pubblicato il 22 Novembre di quest’anno tramite ORG Music ed è intitolato To Be One With You); tra le collaborazioni più importanti troviamo Jack Irons alla batteria, l’ex bassista dei Jane’s Addiction Eric Avery, il nostro Flea ed Eric Gardner e Clint Wash dei Dot Hacker.

Oggi, pubblichiamo il suo nuovissimo singolo, dal titolo “Shade”.

A differenza dei suoi lavori con la band alternative rock/funk Red Hot Chili Peppers, o anche dei suoi più sperimentali Dot Hacker, la musica di Pluralone è piuttosto difficile da categorizzare. Con “Shade”, Klinghoffer subisce le influenze del grande John Cale dei Velvet Underground e le trasforma in un pezzo alternative-pop, vivace, altalenante, che viaggia su una sottile linea che separa gioia e malinconia.

«Stavo ascoltando John Cale quando iniziai a scrivere questo pezzo», afferma Klinghoffer, «Tutto nacque in modo stranamente naturale. Ascoltavo i fill di batteria e gli assoli di chitarra simili a proiettili (ho optato per un approccio opposto). Ho aggiunto le sonorità più dolci di Clint Walsh per nascondere un po' di malinconia».

Durante l’estate appena trascorsa, Pluralone aveva già pubblicato due sue cover in lingua straniera, “Io Sono Quel Che Sono” di Mina e “Menina Mulher Da Pele Preta”, dell’artista brasiliano Jorge Ben. Qualche mese fa, Klinghoffer, insieme ai Red Hot Chili Peppers, si sono esibiti nella spettacolare location di Giza, concerto trasmesso in live streaming in tutto il mondo; in quell’occasione, Josh si è esibito in una toccante cover di “Pyramid Song”, classico brano dei Radiohead dei primi anni 2000. Nello stesso periodo, i Red Hot erano a lavoro sul loro nuovo album, ma il devastante incendio nella San Fernando Valley, vicino Los Angeles, ne ha ritardato il proseguimento.
Più recentemente, abbiamo trasmesso il concerto dei RHCP all’Ohana Festival nella Orange County, dove si sono esibiti insieme ad una lineup poliedrica con artisti del calibro di Jenny Lewis e Poolside.

Traduzione integrale dell'articolo apparso su mxdwm.com a cura di Vincenzo Fasulo

Share Link:
Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Reddit Ma.gnolia Technorati Stumble Upon

Commenti

Nome *
Inserisci l'e-mail per la verifica
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Ultimo aggiornamento Sabato 19 Ottobre 2019 10:34  

SEGUI VQ.IT

facebook2instagram_logotwitter-iconyoutube
myspacegoogle-plus-iconalastfm2Abbonati al Feed RSS di Vq.it

SOSTIENI VQ.IT

paypal_donate

Save_the_Children

Sondaggio

Qual è stato il concerto che avete preferito tra le 5 date italiane del The Getaway Tour?
 


What's Hot !?

animazione2
Silverlake Conservatory of Music
Fb Page - CoverBands Italiane
banner_coverband_myspace2
collage_army_small
Vq.it remembers kissarmy