Venicequeen.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Home News
News

Josh Klinghoffer: «da parte mia nessun rancore verso i Red Hot Chili Peppers»

E-mail Stampa PDF

red-hot-chili-peppers-bologna-torino-2016-best-of-marchioni-10

Recentemente intervistato da ultimate-guitar.com per parlare del suo primo album solista, a Josh Klinghoffer sono state poste anche alcune domande in merito ai suoi 10 anni di militanza come chitarrista nei Red Hot Chili Peppers. Klinghoffer, lo scorso 5 dicembre, è stato licenziato dalla band per far di nuovo posto a John Frusciante.
Di seguito vi riportiamo alcuni dei passi salienti dell'intervista tradotti in italiano.

UG: C’è una canzone, un riff o un assolo di cui sei orgoglioso di aver scritto con i Red hot chili peppers? E invece della tua carriera in generale?
JK: Da un punto di vista chitarristico? Forse “The Longest Wave” oppure il finale di “Goodbye Angels". L’assolo di “Dark Necessities” è bello. Ho ancora un debole per “Never is a long time” ma questa non la conosce nessuno.
“First in Forever” del secondo disco dei Dot Hacker è ancora una delle mie canzoni preferite.

Quali sono le lezioni che hai imparato durante i tuoi anni nei Red Hot?
Chiedimelo un’altra volta
.

Csa ti ha fatto venir voglia di prendere in mano una chitarra per la prima volta? E’ lo stesso motivo per cui suoni anche adesso? Quali sono state le prime canzoni che hai imparato?
Ero stanco di portare in giro delle batterie. Ho iniziato a suonare la chitarra al campo estivo intorno al fuoco e sentivo che era più facile trasmettere emozioni suonando uno strumento più tonale.
Prime canzoni? Non ricordo ma sicuramente qualcosa dei Nirvana, Sex Pistols e Pearl Jam.

Cosa ricordi della prima canzone che hai scritto?
Bhe,ricordo bene  la prima canzone che ho registrato e finito. L'avevo data ad alcuni amici e a loro piaceva molto e la cantavano. È stata una bella sensazione. Ricordo che una volta che stavo jammando  con Rivers [Cuomo] dei Weezer e mi ha chiesto se avevo delle canzoni, il che è stata una sorpresa totale. Ricordo di aver nervosamente cercato di insegnargliela. Sono stato timido per molto tempo, probabilmente lo sono ancora fino a un certo punto.
Si chiamava "Window" quella canzone  mi ricordava Beck dell'era "Mutations". Sono finito a suonare con Beck sei anni dopo aver scritto quella canzone, avrei dovuto fargliela sentire, si sarebbe fatto una bella risatina. In realtà mi piace ancora abbastanza. Forse la registrerò un giorno. E la pubblicherò con l'originale come lato B.

C’è del rancore tra te e i Rhcp o John?
Non penso, non da parte mia.

Traduzione a cura di Francesco Colinucci in esclusiva per VeniceQueen.it

Ultimo aggiornamento Domenica 19 Gennaio 2020 12:28
 

I Red Hot Chili Peppers pronti a tornare in studio con John Frusciante

E-mail Stampa PDF

85347655_copy

Da ormai poco meno di un mese, i Red Hot Chili Peppers hanno annunciato il ritorno in formazione del figliol prodigo John Frusciante, che aveva lasciato la band (per la seconda volta) nel 2009. Il batterista del gruppo californiano Chad Smith, in questa intervista rilasciata poche ora fa a rollingstone.com, ha confermato che dopo aver suonato in alcuni festival la prossima estate (compresa una data italiana il 13 giugno al Firenze Rocks), i RHCP torneranno in studio per incidere un nuovo disco.

«Ho ricevuto ordini precisi di non parlare dei Red Hot in questa intervista. Posso solo dire che John è tornato, come ormai tutti sanno e siamo molto euforici. Per il momento suoneremo solo ad alcuni festival, ma il resto dell'anno lo spenderemo per lavorare al nuovo disco.»

Smith ha poi parlato della sua seconda vita artistiica, e cioè quella di "pittore a ritmo di musica" (per capirne di più vi consigliamo questo video). Infatti la sua nuova collezione The Art of Chad Smith è attualmente esposta al Russell Collection Fine Art di Austin.

«Questo per me è un modo nuovo e divertente di esprimermi, anche perchè un qualcosa che faccio nei giorni liberi della settimana. E' sempre divertente cambiare, crescere e sfidare se stessi. Non farà male ai miei sentimenti se la mostra non piacerà a qualche appassionato di Basquiat. »

EEe3lUIU4AAfiMH

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Gennaio 2020 07:29
 

Il 2019 dei Red Hot in 7 avvenimenti da ricordare

E-mail Stampa PDF

7 – L’album solista di Josh

jk

Il 22 novembre scorso, Josh Klinghoffer ha pubblicato To Be One With You, il suo primo album solista sotto lo pseudonimo di Pluralone, accompagnato dai singoli Shade e Fall From Grace e a cui hanno collaborato tra gli altri anche Flea e Jack Irons. Il disco ha fatto seguito ai singoli Io Sono Quel Che Sono/Menina Mulher Da Pele Preta, cover realizzate in lingua originale pochi mesi prima. Per premiare i primi 250 iscritti al suo nuovo fan club ufficiale, Josh ha pensato bene di regalare altrettante copie dell’album in vinile; un pensierino niente male per un musicista in rampa di lancio verso una carriera solista che ci auguriamo possa regalargli le migliori soddisfazioni.


6 - L’autobiografia di Flea

afc

Dopo essere stata posticipata di un anno rispetto all’originale pubblicazione, lo scorso 5 novembre ha visto finalmente la luce Acid For The Children, l’autobiografia di Flea. Il libro, che è stato promosso da un mini tour di conferenze in giro per gli States e che vede la prefazione di Patti Smith, ripercorre la vita del bassista dalla sua infanzia fino al 1983, anno in cui si formarono i Red Hot Chili Peppers. Un’autobiografia quindi decisamente diversa rispetto a quella pubblicata dal suo amico Anthony nel 2004 (Scar Tissue), ma che ha già riscosso un notevole apprezzamento tra i fan della band californiana. Stando alla Harper Collins Italia, il libro sarà disponibile nella nostra lingua a partire dai primi mesi del 2020; per chi non lo avesse ancora ordinato online, dunque, ancora un attimo di pazienza.


5 - L'esibizione ai Grammy Awards con Post Malone

pmrhcpR

Lo scorso 10 febbraio i Red Hot Chili Peppers si sono esibiti alla 61esima edizione dei Grammy Awards come ospiti speciali assieme a Post Malone, con cui hanno eseguito il brano Dark Necessities. Si è trattato della prima apparizione televisiva della band nel corso dell’anno, a cui ha fatto seguito, una settimana più tardi, il tour oceaniano tra Australia e Nuova Zelanda.


4 - L'annuncio della data italiana

rhcpfr2020

Lo scorso 7 novembre è stato annunciato il ritorno in Italia dei Red Hot Chili Peppers, che si esibiranno il prossimo 13 giugno alla Visarno Arena nell’ambito del Firenze Rocks, in quello che probabilmente è diventato il principale festival di musica rock sul suolo italico negli ultimi anni. L’entusiasmo con cui i fan nostrani hanno accolto questo annuncio è stato maggiormente amplificato dalla notizia arrivata a dicembre: sul palco della kermesse fiorentina, infatti, ci sarà anche una nostra vecchia conoscenza. Continuate a leggere per scoprire di chi si tratta.


3 - Il debutto live di Sikamikanico

rhcprinr2020R

Lo scorso 3 ottobre, in occasione del concerto al Rock in Rio in Brasile, la band ha eseguito per la prima volta in 28 anni il brano Sikamikanico, una b-side di Blood Sugar Sex Magik mai suonata dal vivo dal gruppo, salvo qualche raro tease. Una volta terminata la canzone, Anthony ha spiegato al pubblico che si trattava di un regalo a Josh per i suoi quarant’anni (compiuti proprio quel giorno), dal momento in cui è stato il primissimo pezzo dei RHCP che ha imparato alla chitarra. La maniera perfetta per congedarsi da quelli che negli ultimi dieci anni sono stati i suoi compagni d’avventura.


2 - Il live alle Piramidi di Giza

rhcpgiza

Lo scorso 15 marzo i Red Hot Chili Peppers si sono esibiti per la prima volta in assoluto in Egitto, in uno scenario a dir poco suggestivo: le Piramidi di Giza. Con questo concerto la band è entrata così nello stretto novero di artisti che hanno avuto il privilegio di esibirsi nella terra dei faraoni (ricordiamo tra gli altri Frank Sinatra, Mariah Carey e Andrea Bocelli, solo per citarne alcuni). La location dell’esibizione è stata talmente altisonante che ha attirato l’attenzione di numerosi fan da ogni parte del mondo, accorsi per assistere ad un evento che rimarrà certamente negli annali della band. Al momento lo show non è disponibile in nessuna piattaforma pubblica, ma noi tutti ci auguriamo che a breve possa uscirne un DVD ufficiale.


1 - Il ritorno di John Frusciante

johnisback2

Ed eccoci al seguito del punto 4. Lo scorso 15 dicembre, come un fulmine a ciel sereno, sul profilo Instagram ufficiale dei Red Hot Chili Peppers è apparso un criptico annuncio che recitava di come le strade tra la band e Josh Klinghoffer si fossero separate, annunciando, allo stesso tempo, il rientro nel gruppo nientepopodimeno che di John Frusciante. Tale annuncio aveva inizialmente fatto gridare ad un clamoroso hackeraggio, viste le modalità con cui è arrivato, salvo poi venire confermato dalle condivisioni arrivate dai profili di Flea e Chad Smith. Ogni dubbio è stato poi fugato il giorno successivo, quando anche il sito ufficiale dei RHCP ha confermato la dipartita di Josh e il ritorno di John a dieci anni esatti dal suo abbandono, mandando in visibilio i milioni di fan in tutto il mondo. Non sappiamo ancora se Frusciante sia già in studio di registrazione con i suoi amici o se abbia in mente di entrarci a breve per pubblicare un nuovo album coi Peppers: quel che è certo è che, per la nostra gioia, il prossimo 13 giugno sul palco del Firenze Rocks ci sarà anche lui.
Ultimo aggiornamento Domenica 29 Dicembre 2019 12:05
 

UFFICIALE: JOHN FRUSCIANTE È (DI NUOVO) IL CHITARRISTA DEI RHCP

E-mail Stampa PDF

johnisback2


È stato un susseguirsi di rumor, in queste ultime ventiquattro ore, ma la notizia pareva fin da subito aver assunto carattere di ufficialità.

Adesso abbiamo a tutti gli effetti la conferma:

JOHN FRUSCIANTE È (DI NUOVO) IL CHITARRISTA DEI RHCP!


Sotto riportiamo il comunicato che per primo è stato diramato sull'account Instagram ufficiale della band, a sua volta riportato da Flea e Chad sui rispettivi profili social, per poi essere finalmente postato sul sito ufficiale della band:

johnisback


Il secondo ritorno di John Frusciante avviene dopo dieci anni esatti dall'annuncio di separazione rilasciato sul finire del 2009 tramite il blog myspace e sito ufficiale dell'artista stesso (leggi la NEWS).

Al momento la band non ha rilasciato ulteriori dichiarazioni.

Non ci resta che dire ... ben (ri)tornato John!

 

 

2009-2019: cosa è successo in questi dieci anni?

In questi anni la band è rimasta in attività col nuovo sodalizio artistico avvenuto con Josh Klinghoffer (che ci sentiamo di ringraziare profondamente per l'immenso contributo, nda), con il quale sono stati rilasciati due album: I'm With You (2011) e The Getaway (2016).

John Frusciante ha invece continuato con la propria carriera solista incentrata prettamente su produzioni all'insegna della sperimentazione nel campo dell'elettronica: 2 album, PBX Funicular Intaglio Zone (2012) e Enclosure (2014), nonchè i due progetti Trickfinger (2015) e Trickfinger II (2017) e ben tre EP, Letur-Lefr (2012), Outsides (2013) e Foregrow (2016).

Il 28 Luglio 2018 Flea e John Frusciante si erano incontrati presso lo Staples Center di Los Angeles in occasione dell'incontro di boxe tra Mikey Garcia e Robert Easter Jr (vedi foto in alto e leggi la NEWS).

 

Flea: «con questo libro non volevo raccontare il mio punto di vista sulla band»

E-mail Stampa PDF
Traduzione integrale dell'intervista fatta al bassista dei Red Hot Chili Peppers apparsa su forbes.com, curata in esclusiva per Veniceuqeen.it da Vincenzo Fasulo, Gianmarco Minossi e Francesco Colinucci

93018
Steve Baltin : Nel libro tu racconti di come ti sia innamorato della musica
Flea : Quando ero bambino mio padre lavorava per il governo Australiano, indossava un completo ogni giorno. Quando avevo 4 anni ci trasferimmo a  New York per quattro anni perchè doveva lavorare al consolato Australiano, poi tornammo in Australia.
Durante quei quattro anni mia madre incontrò questo tizio che suonava jazz, un drogato che viveva nel seminterrato dei genitori. Lei lasciò mio padre, mio padre tornò in Australia, noi andammo a vivere nel seminterrato di questo tizio, letteralmente un piccolo seminterrato, tutti e 4. Vivemmo nel seminterrato per un po’, tutta la vita si era capovolta. Ma questo cambiamento di vita che ci era accaduto durò poco, tipo 6 mesi, poi comprammo una piccola casa in fondo alla strada e Walter prese parte alla prima jam session che avessi mai visto.
E Walter suonava bebop jazz. E’ un genere di musica suonato da Charlie Parker, inventato negli anni 40. E’ violento, rivoluzionario, poeticamente etereo, ma è un tipo di musica che impegna il corpo e la mente in un modo sofisticamente cerebrale. Devi essere tecnicamente bravissimo per suonarlo bene e questi ragazzi lo suonavano molto bene. Si piazzarono nel soggiorno e iniziarono a suonare. Ricordo che stavano suonando veloce e Walter suonava il contrabbasso. Era ingobbito sul basso suonandolo come un fottuto animale. Tutti questi ragazzi - sassofono, tromba, batteria e piano, groove pesante. Era come se la musica mi avesse catturato. Iniziai a urlare e sbraitare e ridere e fissarli. Si era aperta una porta verso qualcosa che non sapevo esistesse ed era la cosa più magica che avessi mai potuto immaginare.
Baltin : Tu dici nel libro che non hai ancora mai visto nessuno suonare con così tanta ferocia
Flea : Mai, e ho visto ogni band punk, hardcore, ogni show dei Butthole Surfers, ogni show dei Blackflag possibile. E ho visto anche un sacco di intensità e violenza e ferocia fuori controllo e performance profondamente spirituali. E’ divertente perchè ho sempre reagito contro di lui perchè poi diventò la mia figura paterna ed era un uomo molto difficile. Era pazzo e violento e un drogato e irrazionale e terrificante. Ma è stato solo recentemente che ho realizzato che quando suono il basso e sono veramente dentro il suono e lo sto raggiungendo sento quella mia parte selvaggia, e ho imparato questo da lui.
Baltin : Hai nominato Butthole Surfers e Blackflag, ma la forza della musica non si calcola solo con velocità e intensità. Guarda quanto fosse punk l’album della Plastic Ono Band per il suo candore e rabbia.
Flea : Sono d’accordo con tutto il cuore. Non ho mai pensato che il volume, la velocità, distorsione, pedali, riff, heavy riff il solo modo di suonare “heavy”. La Plastic Ono Band è un ottimo esempio. E cosa dire di Joni Mitchell nei suoi più profondi bellissimi momenti poetici? “Desidererei trovare un fiume su cui poter fare skate.” Per me, è sempre la purezza del sentimento. E’ l’intenzione, la motivazione, l’integrità che c’è dietro e il solo senso di desiderio. L’umanità, la sofferenza che proviamo e che desideriamo per trascendere il senso di miserabilità dell’animo umano.
Steve Baltin : Nel libro tu racconti di come ti sia innamorato della musica
Flea : Quando ero bambino mio padre lavorava per il governo Australiano, indossava un completo ogni giorno. Quando avevo 4 anni ci trasferimmo a  New York per quattro anni perchè doveva lavorare al consolato Australiano, poi tornammo in Australia.
Durante quei quattro anni mia madre incontrò questo tizio che suonava jazz, un drogato che viveva nel seminterrato dei genitori. Lei lasciò mio padre, mio padre tornò in Australia, noi andammo a vivere nel seminterrato di questo tizio, letteralmente un piccolo seminterrato, tutti e 4. Vivemmo nel seminterrato per un po’, tutta la vita si era capovolta. Ma questo cambiamento di vita che ci era accaduto durò poco, tipo 6 mesi, poi comprammo una piccola casa in fondo alla strada e Walter prese parte alla prima jam session che avessi mai visto.
E Walter suonava bebop jazz. E’ un genere di musica suonato da Charlie Parker, inventato negli anni 40. E’ violento, rivoluzionario, poeticamente etereo, ma è un tipo di musica che impegna il corpo e la mente in un modo sofisticamente cerebrale. Devi essere tecnicamente bravissimo per suonarlo bene e questi ragazzi lo suonavano molto bene. Si piazzarono nel soggiorno e iniziarono a suonare. Ricordo che stavano suonando veloce e Walter suonava il contrabbasso. Era ingobbito sul basso suonandolo come un fottuto animale. Tutti questi ragazzi - sassofono, tromba, batteria e piano, groove pesante. Era come se la musica mi avesse catturato. Iniziai a urlare e sbraitare e ridere e fissarli. Si era aperta una porta verso qualcosa che non sapevo esistesse ed era la cosa più magica che avessi mai potuto immaginare.

Tu dici nel libro che non hai ancora mai visto nessuno suonare con così tanta ferocia
Mai, e ho visto ogni band punk, hardcore, ogni show dei Butthole Surfers, ogni show dei Blackflag possibile. E ho visto anche un sacco di intensità e violenza e ferocia fuori controllo e performance profondamente spirituali. E’ divertente perchè ho sempre reagito contro di lui perchè poi diventò la mia figura paterna ed era un uomo molto difficile. Era pazzo e violento e un drogato e irrazionale e terrificante. Ma è stato solo recentemente che ho realizzato che quando suono il basso e sono veramente dentro il suono e lo sto raggiungendo sento quella mia parte selvaggia, e ho imparato questo da lui.

Hai nominato Butthole Surfers e Blackflag, ma la forza della musica non si calcola solo con velocità e intensità. Guarda quanto fosse punk l’album della Plastic Ono Band per il suo candore e rabbia.
Sono d’accordo con tutto il cuore. Non ho mai pensato che il volume, la velocità, distorsione, pedali, riff, heavy riff il solo modo di suonare “heavy”. La Plastic Ono Band è un ottimo esempio. E cosa dire di Joni Mitchell nei suoi più profondi bellissimi momenti poetici? “Desidererei trovare un fiume su cui poter fare skate.” Per me, è sempre la purezza del sentimento. E’ l’intenzione, la motivazione, l’integrità che c’è dietro e il solo senso di desiderio. L’umanità, la sofferenza che proviamo e che desideriamo per trascendere il senso di miserabilità dell’animo umano.

Hai sviluppato un’intensa collaborazione con Patti Smith. Le hai anche chiesto qualche consiglio su come scrivere il tuo libro?
Naturalmente non mi permetterei mai di scrivere come Patti. Solo Patti può scrivere come Patti, è un’autrice nel vero senso della parola, nonché una miniera di parole. Ma per me, è stata una grande fonte d’incoraggiamento. Sì, all’inizio le ho fatto vedere le primissime pagine di quello che stavo scrivendo. Sinceramente ero un po’ spaventato, visto che non avevo mai scritto un libro prima di allora. Amo la letteratura e sono un accanito lettore di libri da quand’ero ragazzino, significano molto per me. Quando ho mandato a Patti queste pagine, si è dimostrata molto gentile e incoraggiante: mi ha detto “Flea, sei così naturale, hai la tua voce, io credo in te. E’ fantastico, continua a scrivere.” Questo libro è stato completato l’anno scorso e avevo in programma di farlo uscire più o meno in quel periodo, ma per motivi familiari non ci sono riuscito. Pensavo “Oddio, questo è troppo… devo prima risolvere i miei problemi e poi torno a concentrarmi sul libro.” E anche allora Patti mi disse “Flea, sei un artista, fallo uscire ora.” In un momento in cui ero titubante nel pubblicarlo, lei mi è stata davvero di supporto e gliene sono molto grato. E naturalmente sono molto felice che ne abbia scritto la prefazione: ne è venuto fuori un poema.

Hai accennato al fatto che per te è stato abbastanza difficile condividere così tante cose in un libro. Come sei riuscito ad affrontare tutto questo?
Sapevo che in quel momento non contavano affatto le mie abilità di scrittore, ho semplicemente prodotto il meglio che io potessi scrivere. Ero consapevole che sarebbe venuto fuori un buon lavoro solo se sarei stato completamente onesto in ciò che scrivevo. Durante la revisione del libro, ho notato delle storie fantastiche che avevo scritto, divertenti e selvagge, probabilmente le parti migliori, ma in qualche modo ne ero rimasto scioccato e questo non mi piaceva affatto. Tutto deve essere naturale e onesto, riflettere ciò che sono diventato oggi; per esempio, il fatto che da bambino fino a undici anni mi pisciassi addosso nel letto, la mia incapacità con le ragazze o il mio voler comportarmi come un fottuto bastardo giusto per divertimento: tutte cose che mi hanno portato ad essere ciò che sono oggi. Non mi immagino cosa sarebbe potuto uscire fuori se non fossi stato onesto. Ma è molto difficile scrivere di episodi che riguardino i tuoi cari o i tuoi amici più stretti in un modo che per loro possa risultare inoffensivo. E’ divertente, perché in tutto questo mio padre è ancora vivo: mia madre e il mio patrigno se ne sono andati, ma lui c’è ancora, vive in Australia e si è fatto vivo soltanto quando mi sono sposato di recente. Io non sono cresciuto con lui, se n’è andato di casa quando avevo solo sette anni e non l’ho più sentito fino a quando non ho compiuto trent’anni; è stato difficile. Siamo completamente diversi e so che per lui sarà difficile leggere quanto ho scritto. Ieri è tornato in Australia e io l’ho salutato dandogli una copia del libro, dicendogli “papà, io devo essere onesto, devo raccontare la mia storia, spero che non ti offenda.” So per certo che un giorno lo leggerà (ride ndr), anche se un po’ la cosa mi spaventa, perché non voglio urtare i suoi sentimenti. Ma devo essere onesto, altrimenti cosa avrei scritto a fare questo libro?

Vedendo fino a dove arriva il tuo libro, considereresti l’idea di scriverne un seguito?
All’inizio ci ho pensato, visto che ho raccontato di eventi che arrivavano fino al 2000. Poi però ho deciso di fermarmi al 1983, anno in cui fondammo i RHCP, altrimenti avrei raccontato la band esclusivamente attraverso il mio punto di vista, senza focalizzarmi sulle dinamiche di gruppo. Quando ho deciso che mi sarei concentrato solo sulla mia infanzia e adolescenza, ho completamente stravolto le ultime parti, mettendo in ordine tutti i capitoli fino ad arrivare a quello che oggi ne è venuto fuori. C’è molto altro in questo libro, ancora sono nel processo di promozione, sto facendo conferenze dove spiego com’è nato, cosa si prova a pubblicarlo, è una sensazione fottutamente fantastica.  Non lo so, ci devo lavorare e poi decidere cosa fare. Ero certo che prima o poi l’avrei pubblicato e ora che l’ho fatto penso proprio di essere in pace con me stesso.

Ho appena visto Eddie Vedder cantare all’Ohana Fest: è capace di cantare davvero tutto. C’è una canzone che ti piacerebbe cantasse per te e tua moglie?
(Ride) Una delle mie canzoni preferite è “Into my Arms” di Nick Cave, anzi, è la mia preferita. Ma non lo so, ogni cosa che Eddie canta suona così bene. Quello che più mi piace è che viene direttamente dal suo fottuto cuore.

GettyImages-1178123526-resize
E’ interessante che sia tuo babbo che Walter non vedessero di buon occhio il Rock. Sono sicuro che questo ha avuto un ruolo importante sul tuo essere musicista.
Oh totalmente. Guardando indietro ai problemi famigliari che avevo da bambino, mi hanno spinto a stringere legami molto stretti con i miei amici al di fuori dalla mia famiglia, ed è per questo che sono finito con il formare una band e tutte le altre cose. Perché questi legami sono nati andando in giro per strada con i miei amici che erano molto profondi e molto connessi tra di loro e, con la mia band, ci ha reso capaci di connetterci  in un modo in cui le cose possono andare ben oltre la somma delle loro parti, ben oltre il mettere insieme dei  musicisti capaci di fare cose diverse e formare un insieme che può ispirare persone diverse.  Penso che sia l’esprimere una solitudine e un dolore che facciano sentire meno sole  tutte le persone che si sentono sole e ferite. Ecco di cosa si tratta in definitiva con qualsiasi tipo di arte.

Adoro la parte del libro in cui descrivi tua nonna , con i pantaloni della tuta, che andava in giro durante il vostro concerto Australiano e tutti che applaudivano
Sì, è stato uno di quei momenti a tutto tondo di una persona che non ho visto molto perché ho lasciato l'Australia quando avevo quattro anni e lei è venuta a trovarci probabilmente tre volte in America. Ma quando ho iniziato a scrivere, ho iniziato ad essere davvero affascinato dalle parti della mia infanzia che non riuscivo a ricordare chiaramente, ma i sentimenti sono così profondi. E potrebbe anche essere solo un odore o un colore o un vestito, una piccola parte di un ricordo e non sei nemmeno sicuro del perché, ma ha questo profondo effetto su di te ed è come un pilastro. E ho iniziato a scoprire queste cose, questi sentimenti della mia infanzia, scrivendo su di loro e nel mio tentativo di capirli. È stato davvero lì che mi sono innamorato dell'idea di scrivere della mia infanzia e di non parlare Chili Peppers, finendo con l'inizio dei Chili Peppers, scrivendo solo dei i miei anni formativi. E mia nonna faceva parte della mia infanzia in cui era solo puro amore.

Ti sei anche sposato
Ti sei già occupato della mia scuola di musica. Così alla raccolta fondi dell’anno scorso, il 29 Settembre, ho incontrato una donna. Io la guardavo e lei mi guardava e non avevo mai provato niente del genere in vita mia. Mi sono sentito come quella volta in cui ho sentito Walter suonare o come quando i Red hot hanno iniziato a suonare. Ho sentito la mia vita girare attorno al suo asse. Ci siamo sposati lo scorso fine settimana. È un punto di svolta così grande nella mia vita e ha aperto una parte di me così connessa a tutto ciò che è bello del mondo e ne sono davvero grato.

Pensi che la scrittura del libro e tutte le cose che hai imparato su di te ti abbiano fatto aprire a tal punto da farti venir voglia di sposarti?
Sì, la scrittura del libro, dall'inizio alla fine non era solo scrivere storie, ero io che cercavo di capire tutto quello che è successo, ero io che cercavo di dare un senso a me stesso. Senza dubbio è stato un processo di trasformazione per me, imparare su me stesso e scrivere su me stesso e la vulnerabilità di condividerlo con il mondo nella speranza che la mia solitudine contribuisca a far sentire gli altri meno soli. Ma penso sicuramente che abbia avuto una ruolo enorme nella mia recente crescita personale e mi ha reso pronto per un amore che sono così grato di poter condividere con mia moglie, il che è divertente dirlo perché abbiamo appena festeggiato la nostra prima settimana da sposati giusto duo giorni fa. Non puoi avere quel tipo di relazione finché non sei pronto perché non è possibile fingere. Volevo avere una relazione impegnata, volevo avere una famiglia, ma c'è sempre qualche ostacolo.
Ultimo aggiornamento Martedì 10 Dicembre 2019 07:49
 


SEGUI VQ.IT

facebook2instagram_logotwitter-iconyoutube
myspacegoogle-plus-iconalastfm2Abbonati al Feed RSS di Vq.it

SOSTIENI VQ.IT

paypal_donate

Save_the_Children

Sondaggio

Qual è stato il concerto che avete preferito tra le 5 date italiane del The Getaway Tour?
 


What's Hot !?

animazione2
Silverlake Conservatory of Music
Fb Page - CoverBands Italiane
banner_coverband_myspace2
collage_army_small
Vq.it remembers kissarmy