Venicequeen.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Home In Copertina "Me And My Friends": a spasso con i Red Hot Chili Peppers

"Me And My Friends": a spasso con i Red Hot Chili Peppers

E-mail Stampa PDF
Resoconto sul book fotografico di Tony Woolliscroft a cura di another girl

Al cinema con Chad, che si fa pagare il biglietto (stranamente, ha “dimenticato” il portafoglio…) e ti porta pure a vedere il film sbagliato; backstage con John, in preda a dubbi amletici sul suo look e bisognoso di consigli (“ma i baffi li tengo o li taglio ?”); in una stanza dello Chateau Marmont con Anthony, che ti canta “Venice Queen” in anteprima; chi di non avrebbe voluto vivere almeno una di queste esperienze ?


Il fotografo Tony Woolliscroft, figura ben nota a tutti i fan attenti dei RHCP, ha raccontato questi fatti e molti altri ancora nel suo libro fotografico intitolato, non a caso, My and My Friends. Sì, perché quello che si percepisce sfogliando, ma soprattutto leggendo, questa strepitosa testimonianza, è una profonda amicizia tra i Chili Peppers ed il “loro” fotografo, una amicizia iniziata da vent’anni, quando il giovane Woolliscroft vede per la prima volta i Peppers alla Portsmouth University, nel Febbraio 1990 (lui dice a Gennaio, ma l’inaccuratezza “storica” è un altro elemento del fascino di questo libro, così come il mispelling di alcuni nomi).
Già ammiratore della band, e reo di aver lasciato a casa la macchina fotografica in quella prima occasione, Tony inizia da allora a seguire il gruppo (a sue spese) e a testimoniare concerti, backstage, tourbus etc etc …, instaurando uno splendido rapporto con i quattro, in primis con Chad. Le sue foto vengono pubblicate dalle maggiori riviste del settore in Inghilterra, soprattutto da Kerrang, e poco a poco, anche la tecnica fotografica migliora, fino a cogliere degli attimi che solo l’occhio di un fan e di un amico possono riconoscere (guardate la felicità di John che suona con i New Order a Dublino nel 2002, o gli attimi di relax della band prima del mega concerto allo Slane Castle).
Il riconoscimento “ufficiale” arriva nel 1999, quando la casa discografica decide finalmente di pagare a Woolliscroft le spese per seguire i Peppers, cosa che si era rifiutata di fare fino ad allora. Questa è la storia, riassunta in brevi righe, ma è ben poca cosa di fronte all’emozione che si prova sfogliando le oltre 200 pagine in formato (28x24)cm, leggendo di tanti piccoli spassosi aneddoti, di occasioni inattese (l’invito al quarantesimo compleanno di Chad, tanto per citarne una), di sensazioni negative come la tristezza di Frusciante prima di lasciare la band, di momenti esaltanti come la photosession sul tetto di un hotel di Caracas, della tensione magica pre-concerto e così via …. Le foto, per lo più in bianco e nero, hanno un che di familiare, molte le conosciamo a menadito, altre sono una gradita sorpresa. Oltre a ritrarre i Peppers (anche Arik Marshall e Dave Navarro) ci fanno incontrare alcuni membri dello staff, personaggi famosi come Michael Stipe, Dave Grohl, Tom Morello, e i volti noti della grande famiglia pepperiana come Blackie, Clara, Frankie. Attenzione però: se qualcuno si avvicina a questo libro pensando di trovare del gossip o degli scatti rubati, resterà deluso. Da buon amico, Woolliscroft rispetta la privacy della band, anzi, chiarisce subito che è una delle band che tiene di più alla privacy tra le tante che conosce e che si ritiene fortunato ad aver avuto accesso a momenti e a luoghi che ai più sono interdetti. Una foto per tutte, di certo la più famosa, è l’emblema di tutto il libro; quella del booklet di Californication, il “cerchio delle anime” prima del Free Tibet Concert, subito dopo il ritorno di John. Solo un vero amico avrebbe potuto riassumere, con uno scatto, il significato profondo di quell’abbraccio, del nuovo inizio che stava a sottolineare.

Godetevi il libro, emozionatevi sulle foto, ridere e piangete a seconda dei momenti, ma, in ogni caso, non perdetevi questo viaggio con i nostri alleati preferiti. Parola di fan.

Il sito ufficiale del libro:
http://www.redhotchilipeppers-book.com/author.php

Me And My Friends myspace:
http://www.myspace.com/meandmyfriendsbook

Flikr page:
http://www.flickr.com/photos/redhotchilipeppersbook/

Facebook page:
http://www.facebook.com/pages/Red-Hot-Chili-Peppers-Me-and-My-Friends/45948551976

 

another girl

Share Link:
Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Reddit Ma.gnolia Technorati Stumble Upon
 

SEGUI VQ.IT

facebook2instagram_logotwitter-iconyoutube
myspacegoogle-plus-iconalastfm2Abbonati al Feed RSS di Vq.it

SOSTIENI VQ.IT

paypal_donate

Save_the_Children

Sondaggio

Qual è stato il concerto che avete preferito tra le 5 date italiane del The Getaway Tour?
 


What's Hot !?

animazione2
Silverlake Conservatory of Music
Fb Page - CoverBands Italiane
banner_coverband_myspace2
collage_army_small
Vq.it remembers kissarmy