Venicequeen.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Home Editoriale 2007-11-22 La pisciatina fuori dal vaso…

2007-11-22 La pisciatina fuori dal vaso…

E-mail Stampa PDF

sirpsychosexy...e non è la prima negli ultimi 18 mesi…poi farò un viaggio a ritroso anche da questo punto di vista.

‘Pisciare fuori dal vaso’ è un'espressione molto usata in Toscana (non so nel resto dello Stivale), che si applica quando qualcuno effettua un gesto inopportuno oppure rilascia una dichiarazione di troppo.

In questa specialità, prossimamente alle olimpiadi, i nostri beniamini del funk sembrano essersi specializzati alla grande. Ma partiamo dal caso del giorno: un nostro utente (molto attento anche alle veline ad al gossip in generale a regola), nella sezione dedicata alla news ha postato un interessantissimo link che porta direttamente al sito tgcom.mediaset.it.

Faccio un fedelissimo copia ed incolla dell’articolo:

«Red Chili contro "Californication”»
«Serie ha copiato il nome dell'album»

«"Californication", il telefilm più atteso e chiaccherato della stagione, in arrivo prima su Jimmy e poi su Italia 1, è stato denunciato dai Red Hot Chili Peppers. Lo annuncia il sito specializzato "Telefilm Cult" (http://telefilmcult.blogspot.com/). La rock-band ha infatti sporto querela nei confronti della tv via cavo Showtime accusandola di aver copiato il nome di una loro popolarissima canzone del 1999, oltre che dell'omonimo album che la contiene. La causa parla di «competizione sleale, svalutazione del nome e arricchimento ingiusto», con l'aggiunta che il titolo è «distintivo, popolare e immediatamente associato nella mente del pubblico alla band californiana». «Californication firma un cd, un video e una canzone della carriera della band, e associarlo ad una serie tv che ci ruba così l'identità non è affatto corretto», ha dichiarato Anthony Kiedis, voce dei Red Hot Chili Peppers. Secondo l'accusa, il telefilm presenta un personaggio di nome Dani, che richiamerebbe a “Dani California", titolo di un'altra canzone della band pubblicata nel 2006. Tom Kapinos, creatore e produttore esecutivo della serie, si giustifica affermando di aver sentito per la prima volta il termine negli anni '70, quando sui paraurti delle auto dell'Oregon sono comparsi gli adesivi con la scritta ‘Don't Californicate Oregon’, e già da quel momento aveva pensato fosse un titolo fantastico per una serie tv.»

Appena letto questo articolo (tra l’altro la notizia è in risalto anche sull’home page di RollingStone.com) le mie pupille sono uscite fuori dell’orbite. Ma come, solo un anno e mezzo fa Tom Petty non citò in tribunale Kiedis & Co. per quella ‘scopiazzatina’ del pattern armonico di “Dani California”, molto, troppo simile ad una sua vecchia hit ed adesso la band fa causa alla produzione del telefilm? Non capisco….Partiamo dal presupposto che sia anche un loro diritto fare ciò che vogliono del loro marchio, va subito detto che il termine "Californication" non è certo un’invenzione luminare del sempre troppo logorroico Anthony, né tanto meno di nessun altro membro della band. Basta infatti cercare sul web, per capire che questo termine possiede origini quantomeno più antiche:

«“Californication” è una parola macedonia (cioè creata da 2 termini già esistenti, come "smog" ndt) formata da "California" e "fornication". E' apparsa per la prima volta sulla rivista Time il 21 agosto 1972, ma era già stata vista negli stati americani del Colorado, Oregon ed Idaho, scritta su adesivi posti sui paraurti delle auto. Si riferisce soprattutto allo «sviluppo disordinato ed insensato che ha già inghiottito la maggior parte della California del Sud» che, secondo alcuni, i Californiani stavano esportando nel resto dell'Ovest statunitense»
(tratto da wikipedia.org \ grazie a Tatiana Musso per la traduzione, ndt)

Come unica attenuante al nostro ‘padre di famiglia’ potremmo dire che nel telefilm, sembrerebbe esserci un personaggio che porta il nome di Dani California, proprio come una delle recenti hit single dai quattro californiani. Il che non giustificherebbe l’uscita, ma servirebbe solo da attenuante allo scopo finale (almeno secondo il sottoscritto): i dollari. Ma andiamo anche oltre questo punto. Perché fare denuncia della cosa solo dopo mesi dall’inizio delle trasmissioni e magari dopo aver constatato il grande successo della serie televisiva? Perché chiedere dei soldi (da ingenuo quale sono, mi vien da pensare che la finalità sia questa… no? Troppo malizioso?) per il semplice utilizzo di un termine? Davvero ne vale la pena? Quante domande, nel giro di pochi secondi possono venir fuori? Credo tante, troppe…Inoltre, questo disco è uscito nel 1999, è stato un cult per i giovani dell’epoca ed ha venduto moltissimo…ma forse troppo poco per la band. Insomma, riallacciandomi alla partenza di questo editoriale, l’ennesima ‘pisciatina fuori dal vaso’. Prima Flea ci dice che se non si ama Stadium Arcadium non si è fan dei Red Hot (circa un mese prima della pubblicazione), poi si lamenta con i tecnici, fan o pseudotali che hanno messo in rete sempre il doppio album sei giorni prima del suo arrivo nei negozi (manco fosse stato il primo), sciorinando un monologo da ‘libro cuore’. Poi arriva il momento di Chad che si lamenta dell’utilizzo spropositato di classici del rock per pubblicità a favore di multinazionali (qui, potremmo anche essere d’accordo, se il faccione di Jimi Hendrix non comparisse su una birra nemmeno tra le più famose negli States), per poi prendersela in particolare con gli U2 perché donano i diritti dei propri pezzi per la telefonia mobile, mentre proprio adesso il buon Anthony (ma presumo che gli altri tre siano in armonia) ritiene che l’utilizzo altrui del termine "Californication" sia nocivo per l’immagine della band, o quanto meno lo sia senza sborsare dei quattrini prima. Generalmente, quando dispute del genere arrivano in tribunale, chi accusa prevale e vince…

Insomma, Everly B. avrà per questo Natale una bella culla in oro massiccio e come primo ciondolo una bella catenina tipo quelle che porta 50Cent. Io il mio regalo natalizio per la band ce l’ho qui già bello che pronto: un water di dimensioni abnormi, per evitare che la pipì del Peppers di turno non vada fuori.

*sir psycho sexy*

Share Link:
Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Reddit Ma.gnolia Technorati Stumble Upon
 

SEGUI VQ.IT

facebook2instagram_logotwitter-iconyoutube
myspacegoogle-plus-iconalastfm2Abbonati al Feed RSS di Vq.it

SOSTIENI VQ.IT

paypal_donate

Save_the_Children

Sondaggio

Qual è stato il concerto che avete preferito tra le 5 date italiane del The Getaway Tour?
 


What's Hot !?

animazione2
Silverlake Conservatory of Music
Fb Page - CoverBands Italiane
banner_coverband_myspace2
collage_army_small
Vq.it remembers kissarmy