Venicequeen.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Home Editoriale 2005-05-04 Waiting for...

2005-05-04 Waiting for...

E-mail Stampa PDF
sirpsychosexyLa notizia rilevante che ha scatenato nel sottoscritto una voglia irrefrenabile di scrivere un nuovo editoriale (a poco più di un mese e mezzo da «Impressioni di marzo») sta nel fatto che il sito web ufficiale del gruppo ha dichiarato che Flea e soci lo scorso 13 aprile hanno cominciato ad incidere il nuovo materiale che sarà il seguito di By The Way. Ottima notizia. Era ora. Dopo la pubblicazione della sua autobiografia «Scar Tissue» e aver preso parte ad un meeting ecologista, sembra che ora Anthony Kiedis abbia un po’ perso quella sindrome "alla Bono Vox” che porta un singer ad impegnarsi in mille attività tranne che in quella musicale e che abbia iniziato a buttar giù dei testi per quelle che saranno le nuove composizioni. Flea, dopo la collaborazione in Frances The Mute dei Mars Volta, comincia a slappare il suo basso; John, dopo l’esibizione all’ ATP Festival di Vincent Gallo e la voglia di pubblicare un nuovo LP solista per il 2005 (BASTA!), è tornato ad imbracciare la sua Fender e Chad Smith, dopo aver suonato la batteria in “Soul Mover” di Glenn Hughes e aver visto nascere il suo secondo figlio Cole, sembra che abbia ricominciato a battere furiosamente le sue bacchette……speriamo……..era ora! Ora dobbiamo soltanto aspettare qualche mese (luglio/agosto?) per vedere se il nono lavoro in studio dei Red Hot sarà almeno degno dei fasti di Californication, per molti l’ultimo LP valido del combo losangelino. L’unica cosa che potrebbe far temere qualcosa sta nel fatto che, a parte la già citata “Desecration Smile”, non si sa assolutamente nulla sulle nuove composizioni. Nei concerti che anticipavano l’uscita di By The Way tre anni orsono, il gruppo aveva già scoperto diverse carte in tavola suonando insieme al materiale vecchio le allora inedite “Universally Speaking”, “Can’t Stop” ed “Havana Affair” (che però sulla stesura finale del disco non troverà posto). Inoltre i quattro non si fecero pregare molto a rendere già ascoltabile in streaming il nuovo album sul sito ufficiale con un mese buono di anticipo. Invece oggi siamo davvero poco informati sul nuovo materiale, anzi per niente a dire il vero. L’unica dichiarazione la rilasciò qualche mese fa Blackie, il padre di Anthony, il quale disse che dovrebbe esserci un ritorno alle origini dei peperoncini. Ma ci dobbiamo davvero fidare? Non so……….. Sicuramente una dichiarazione del genere lascia il tempo che trova, personalmente nutro molti dubbi sul fatto che il signor Dammet (questo il monicker che si dava il padre di Anthony quando era un attore) abbia avuto l’occasione di sentire qualcosa di veramente concreto già a gennaio se non qualche demo tape o qualche giro di basso e chitarra ancora in fase di pre-mixaggio. Indubbiamente “Desecration Smile “presentata al Bridge School Of Benefit 2004 nella sua versione acustica non è certo un capolavoro ed il fatto che i Red Hot stiano continuando sulla strada del pop-rock da classifica è di sicuro un brutto presagio per quello che potrà essere. L’importante adesso è che i quattro si siano chiusi, come fecero più di sei anni fa, in uno studio (anche se all’epoca le prime prove avvennero nel garage del bassista) a perfezionare al massimo il nuovo materiale senza pensare mai al fatto che il tutto possa essere un fiasco. Male che vada oramai i Red Hot Chili Peppers sono uno dei pochissimi gruppi al mondo che vende dischi a scatola chiusa e che fa saltare le vendite dei propri cd di inediti sempre in doppia cifra (le 13 milioni di copie dell’ultimo disco sono li a testimoniarlo). Voglio chiudere questo mio editoriale dicendo che io in questo momento, mentre scrivo queste righe, sto sognando i quattro sudati mezzi, con il volume a paletta che provano un riff funky proveniente dalla chitarra di John, che Flea stia slappando il suo basso fino a fargli sanguinare le proprie dita, che Chad stia torturando le proprie pelli fino a massacrarle e che Anthony stia urlando al proprio microfono (senza stonare) il proprio disagio e tutte le sue perversioni sessuali……….. con buona pace dei soliti perbenisti…………….. GIVE IT AWAY NOW!
*sir psycho sexy*
Share Link:
Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Reddit Ma.gnolia Technorati Stumble Upon
 

SEGUI VQ.IT

facebook2instagram_logotwitter-iconyoutube
myspacegoogle-plus-iconalastfm2Abbonati al Feed RSS di Vq.it

SOSTIENI VQ.IT

paypal_donate

Save_the_Children

Sondaggio

Qual è stato il concerto che avete preferito tra le 5 date italiane del The Getaway Tour?
 


What's Hot !?

animazione2
Silverlake Conservatory of Music
Fb Page - CoverBands Italiane
banner_coverband_myspace2
collage_army_small
Vq.it remembers kissarmy